a+b Annalisa Dominoni Benedetto Quaquaro

About

Annalisa Dominoni (a+b) design

(a+b) dominoni, quaquaro è uno studio di progettazione che opera nei campi del design, della ricerca e dell’innovazione tecnologica e sociale per migliorare la qualità della vita.Annalisa e Benedetto sono specialisti in design per lo Spazio e ambienti estremi: disegnano per migliorare la vita degli astronauti e si ispirano a tecnologie spaziali per generare nuovi prodotti intelligenti e sostenibili per la casa, l’ufficio e l’ambiente.

Nel 2015 hanno progettato i nuovi treni Leonardo della metropolitana milanese per ATM - Hitachi Rail Italy e ricevuto il Premio Eccellenze della Lombardia da ADI Design Index 2016. Disegnano collezioni di oggetti per aziende e serie limitate per gallerie d’arte e design. Tra i loro clienti: Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Baleri Italia, Benetton, Electrolux-Zanussi, European Space Agency (ESA), Ferrero, Living Divani, NASA, TechnoGym, Tecno, Thales Alenia Spazio.

Uniscono alla progettazione l’attività di ricerca attraverso l’insegnamento e la pubblicazione di saggi sulla cultura del progetto. Sono professori alla Scuola del Design del Politecnico di Milano e visiting professor in diverse università internazionali. Ideatori del progetto internazionale Vino+Design, presentato a Expo Milano 2015. Nel 2016 sono stati scelti da ESA per curare la sezione italiana del progetto Couture in Orbit.

annalisa dominoni

annalisa dominoni si laurea con lode in architettura con specializzazione in disegno industriale a milano negli anni 90.
il suo progetto di tesi “atlante” ottiene la targa bonetto nel 1992, il primo premio nazionale arti visive del m.a.g.a. nel 1993, e il XVII compasso d’oro giovani nel 1995.
dopo diverse esperienze progettuali in studi di architettura e design a parigi e londra rientra in italia e affianca all’attività professionale quella di giornalista per le principali riviste di design fino a ideare e fondare nel 1999 la rivista di arte e innovazione “techne”, che dirigerà per tre anni.
nel 2001 consegue il titolo di dottore di ricerca in disegno industriale presso il politecnico di milano aprendo una nuova area di sperimentazione e progetto sul design per gli ambienti estremi e definendo il ruolo del design nel settore aerospaziale.
sviluppa progetti presso il dipartimento del design del politecnico di milano finalizzati a facilitare le missioni umane nello spazio e a incrementare il comfort dell’equipaggio grazie a nuovi oggetti ed equipaggiamenti creati per ambienti confinati e condizioni di microgravità. è alla direzione di gruppi di ricerca internazionali, coordina iniziative in campo scientifico con agenzie spaziali - asi, esa, nasa – e industrie come thales alenia spazio, benetton, kayser italia.
i risultati dei suoi progetti sono presentati a simposi internazionali e pubblicati su riviste scientifiche.
è principal investigator di due esperimenti testati in orbita sulla stazione spaziale internazionale:
“vest”, missione marco polo, asi, 2002, viene selezionato dal XX compasso d’oro per la ricerca nel 2004;
“goal”, missione eneide, esa, 2005, riceve il riconoscimento “eneide mission award” da esa per il successo della missione.
svolge attività didattica presso la facoltà del design del politecnico di milano dal 2001.
attualmente è professore di design del prodotto e della moda e visiting professor in diverse università straniere nelle aree del design, dell’innovazione tecnologica e dell’arte.
tra i suoi libri: “disegno industriale per la progettazione spaziale” nel 2002, “esercizi creativi di design. il processo creativo nel design del prodotto ambientale per la didattica” nel 2008, “per designer con la testa oltre le nuvole” nel 2012, “forma e materia. design e innovazione per il tessile italiano nel 2012. nel 2010 scrive il saggio “space design” per la “nuova enciclopedia treccani del XXI secolo”.
view previous works

benedetto quaquaro

nato in una famiglia di antiquari, benedetto quaquaro si laurea in architettura con specializzazione in progettazione navale a genova, negli anni 80. entra subito in contatto con aziende di arredi che gli faranno scoprire la sua passione per il design. viene chiamato al centro progetti tecno in qualità di responsabile di progetto, attività che gli consente di sviluppare oggetti, ambienti e grandi spazi pubblici in collaborazione con architetti e designer quali norman foster, emilio ambasz, gae aulenti, j.m. wilmotte. durante lo stesso periodo, coordina per tecno lo sviluppo della collezione d’arredi abv-borsani, riedizioni filologiche di progetti storici e concept di importanti artisti internazionali come man ray, bruno munari, françois e frédéric morellet, getulio alviani, agenore fabbri, arnaldo pomodoro, luigi veronesi.
a metà degli anni 90 decide di dedicarsi all’architettura e apre uno studio a santa margherita ligure occupandosi principalmente di restauro di edifici e mantenendo un forte legame con le sue origini di antiquario, che lo portano a sperimentare l’assemblaggio di nuove forme e tipologie di mobili antichi.
dal 2001 al 2010 è partner fondatore dello studio archiworkshop a milano, che opera nel campo dell’architettura, dell’interior e space planning, mantenendo lo studio di santa margherita ligure attraverso il quale continua a occuparsi di antiquariato, design e restauro. tra i principali lavori di architettura realizzati, diversi stabilimenti in cina, romania e svizzera, e progetti pilota in campo chimico-farmaceutico, all’interno di team internazionali, con società di ingegneria quali foster wheeler, per novartis, bracco, bristol meyer squibb, strutture sanitarie e uffici.
è curatore delle mostre “medesign_le forme del mediterraneo” nel 2004 per la sezione abitare, con allestimento di sottsass, e “denso design_forme di osmosi tecnologica”, nel 2006, con l’università di genova e il museo di arte contemporanea di villa croce di genova.
nel 2009 intensifica la progettazione nell’ambito del design, sviluppando concept e prodotti per ferrero, iniziando la collaborazione con cerruti baleri che porterà alla realizzazione dei prodotti “scalo” nel 2009, del sistema libreria “tok” nel 2010, e di “dividendo” in coproduzione con caoscreo.
parallelamente alla professione ha scritto per l’arca international ed ha svolto attività didattica presso la facoltà del design del politecnico di milano. attualmente insegna design e comunicazione alla facoltà di architettura di genova, dove ha conseguito il ph.d in disegno industriale.
view previous works